Oilwineitaly : è il periodo delle castagne nel piatto! Come dobbiamo prepararle?

“Le più golose e antiche ricette consigliate”


Oilwineitaly: è il periodo delle castagne nel piatto! Come dobbiamo prepararle?

“Le più golose e antiche ricette consigliate”

Siamo riusciti ad avere sotto mano già le castagne? A parte quelle delle castagnate, già belle pronte e fumanti, se qualcuno ce le dovesse regalare appena tornato da una passeggiata nel bosco, o se ci venisse voglia di andarle a cercare noi personalmente, oppure di comprarle dal fruttivendolo … poi cosa ci possiamo fare?

Ci si può veramente sbizzarrire, pescando dalle antiche ricette della nonna ai nuovi “esperimenti della nipotina”… Qui vi proponiamo un menù a base di castagne, per ispirare le vostre preparazioni, spizzicando qua e là dal vostro piatto e idea preferiti.
Cominciamo dai primi:
Farrotto di castagne e fagioli borlotti. Mettere a cuocere del farro semiperlato in acqua bollente salata per 20 minuti circa, (con una dose di una tazzina per persona); per i fagioli borlotti, si possono cuocere in pentola a pressione, previo ammollo di 6-8 ore se secchi, per 30-40 minuti, oppure si possono usare direttamente quelli già pronti di buona qualità; le castagne vanno cotte in acqua bollente con la buccia per circa una mezzora. Una volta cotto, sgranare il farro con una forchetta, aggiungere i fagioli borlotti, e le castagne sbucciate e fatte a pezzettini, aggiungere olio e sale e mescolare bene, regolandosi ad occhio, senza che nessun ingrediente sovrabbondi. Versare in una scodella da portata, di terra cotta o porcellana, con adagiati nel fondo un ramo di rosmarino e uno di salvia, lasciare riposare qualche minuto e poi servire ancora caldo.
Oppure una crema di castagne: cuocere per 10-12 minuti le castagne sbucciate (450 g per 6 persone) in un litro di brodo vegetale, e poi farne una purea. Continuare a cuocerla con un’aggiunta di panna da cucina a piacere, anche vegetale di soia/riso/farro. Servire nei piatti con un po’ di sale, un filo d’olio e maggiorana fresca.
Per i secondi, le castagne possono accompagnare piatti di carne e cacciagione, o spezzatini vegetali di soia e seitan, così:
Bollire le castagne come sopra nel farrotto e spellarle. Unirle in un pentolino a delle cipolle tagliate a tocchettini e stufate con un po’ di burro/olio e brodo di verdure/carne, e lasciare cuocere tutto per ancora 10 minuti. Guarnire con erbe aromatiche a piacere.
Oppure una salsa di castagne: tagliare a pezzettini una cipolla e una mela, e farli rosolare con olio e un cucchiaio di farina di castagne. Bagnare e mescolare con un po’ di brodo di verdure. Unire sale, pepe e un po’ di aceto balsamico.
Aggiungiamo una ricetta di pane alle castagne:
Ingredienti: 250 g di farina semintegrale (anche di farro, o una parte), 250 g di farina di castagne, 1 c. di sale, 20 g di lievito, 300 ml acqua tiepida, 1 C. olio, rosmarino spezzettato. Procedere secondo la consueta preparazione del pane, lasciare riposare due ore, spennellare con un po’ di acqua tiepida e mettere ancora del rosmarino, già aggiunto prima all’impasto, imprimendolo sulla superficie. Cuocere mezzora nel forno a 200 gradi.
Concludendo con un rustico castagnaccio:
Fare un impasto con 250 g di farina di castagne, 750 g di latte (vaccino o di riso) o acqua, unire pinoli e uvetta a piacere, e un po’ di buccia di limone grattugiato. Ungere con olio un tegame, e prima di mettere in forno per un’ora a temperatura moderata, cospargere con olio, zucchero e aghi di rosmarino.

http://www.oilwineitaly.com/it/36-esclusivi-regali-natale-2013

Castagne_Piatto-oilwineitaly

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s