Tag Archives: Inter Milan

Oilwineitaly alla Fiera Internazionale del Tartufo Bianco di Alba: contest #albatruffle facebook, twitter, instagram.

alba truffle contest oilwineitaly

alba truffle contest oilwineitaly

Oilwineitaly parteciperà con assiduità alla 83esima Fiera Internazionale del Tartufo Bianco di Alba. Una fiera all’avanguardia e giovanile. Le strade di Alba in questi giorni si popolano di allegria, famiglie, turisti, tecnici del settore e semplici appassionati alla ricerca del migliore tartufo. Di tartufi ce n’è una quantità a non finire, non vi preoccupate, come anche di esperti e tecnici a cui chiedere e con cui condividere uniche emozioni. Impressionante la quantità di ragazzi e giovani tutti che si prodigano per un solo esclusivo obiettivo comune: la promozione del territorio, delle Langhe, del Roero, del tartufo d’Alba e delle specialità enogastronomiche del Piemonte tutto.

Altrettanto giovanile l’idea di lanciare uno special contest “Truffle Experience” sui principali social network: facebook, twitter e instagram. Come partecipare? Molto semplice, dal 4 ottobre al 15 dicembre: scattate le vostre foto alla fiera, ad Alba, nelle Langhe, nel Roero e condividetele su questi social networks associando l’hashtag #albatruffle, sono accettate anche più foto. Sbizzarritevi a gustate questa magica terra e le sue eccellenze enogastronomiche! Che vinca il migliore insomma! In premio, per restare in tema, sarà un tartufo bianco d’Alba da 50 gr. Il vincitore sarà contattato mercoledì 18 dicembre. Il regolamento integrale e le modalità di partecipazione le potete trovare sul sito della Fiera Internazionale: http://www.albatruffle.it/

Perché stiamo promuovendo questo contest? Semplice, l’esperienza vissuta nelle Langhe e nel Roero va condivisa e diffusa il più possibile con tutto il Mondo affinché queste terre possano diventare vero patrimonio dell’Unesco e possano essere invidiate e visitate sempre più da tutti i turisti e gli appassionati del Mondo.

Enjoy il Tartufo d’Alba, le Langhe, il Roero e Oilwineitaly.com

Advertisements

Oilwineitaly : è stata inaugurata poca fa l’83esima edizione della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, che la città ospiterà dal 12 ottobre al 17 novembre 2013

Donna-Tartufo

Inaugurata da poco ad Alba l’83esima edizione della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba: saranno sei settimane ricche di eventi enogastronomici, folkloristici e culturali, che accenderanno i riflettori sulla città. Sei settimane ricche di eventi enogastronomici, folkloristici e culturali, che accenderanno i riflettori sulla città di Alba. La Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba 2013 darà grande spazio ai “foodies in erba” attraverso alcuni laboratori di cucina nei quali giovani e giovanissimi saranno impegnati ai fornelli. Secondo infatti una recente ricerca del portale ilgustofascuola.it, tra i sogni nel cassetto dei giovanissimi italiani, tanti hanno quello di diventare un cuoco famoso. Bambini e ragazzi si divertiranno anche a seguire le gesta di un cane da tartufo nell’atto di scovare in terra un prezioso Tuber magnatum Pico.

Le novità della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba 2013 non finiscono qui. Durante l’83esima edizione della manifestazione verrà presentato il volume “Alla scoperta del tartufo” edito da Slow Food editore in collaborazione con il Centro Nazionale Studi Tartufo di Alba. Si tratta di un vero e proprio vademecum sul tartufo pensato per far scoprire al grande pubblico tutti i segreti di questo straordinario alimento: dove cercarlo, come sceglierlo e degustarlo, gli itinerari turistici e infine le ricette firmate dai grandi chef del territorio.

Un ricco programma di eventi enogastronomici 

La Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba 2013 anche quest’anno sarà caratterizzata da un ricco calendario di eventi enogastronomici. Dal 12 ottobre al Palazzo Mostre e Congressi “G. Morra” di Alba ci saranno laboratori di analisi sensoriale e di cucina realizzati da grandi chef del territorio e dedicati ai tanti appassionati di cibo che giungeranno ad Alba. Protagonisti di questi incontri saranno le migliori eccellenze delle Langhe, il tartufo bianco d’Alba, i celebri vini di Langhe e Roero, i tradizionali formaggi locali e la carne.

Gli eventi enogastronomici della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba 2013 avranno inizio domenica 29 settembre con la Festa del Vino che vedrà protagonista nel centro storico di Alba banchi di assaggio dei rinomati vini di Langhe e Roero. Ogni lunedì di ottobre invece sarà la volta del tradizionale appuntamento con il Mercato ambulante della Fiera, Campagna Amica e il Mercato della Terra. Mentre, nei weekend di novembre nella piazza storica del Duomo di Alba ci sarà il Salotto dei Gusti e dei Profumi che vedrà protagonisti la nocciola piemontese Igp, gli artigiani del cioccolato, il riso, il Moscato d’Asti, il Barolo Chinato e lo spumante Alta Langa.
Cuore pulsante della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba è il mecato mondiale del tartufo bianco d’Alba, un appuntamento che richiama ogni anno tanti visitatori da tutto il mondo, che avranno la possibilità di vedere, toccare, annusare tanti tartufi. Ogni Tuber magnatum Pico presente viene controllato, prima dell’apertura al pubblico, da una commissione qualità che resta a disposizione dei clienti per tutta la durata della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, con la funzione di “Sportello del Consumatore”. Obiettivo di questo progetto è quello di informare sui diritti degli acquirenti di tartufo fresco e di raccogliere suggerimenti e segnalazioni sulle esigenze ed eventuali problemi. Al mercato del tartufo, tutti i tartufi bianchi d’Alba sopra i 20 grammi vengono venduti all’interno di un sacchetto numerato che vale come garanzia e che garantisce un cambio se il tartufo dovesse risultare insoddisfacente.

Oilwineitaly : in Calabria “Master of food” dedicati al vino, all’olio ed anche al caffè.

 

Educazione alimentare, al gusto ed alla stagionalità dei prodotti, tutela dell’ambiente e sensibilizzazione all’uso delle risorse idriche, formazione in tema di vino e olio extravergine di oliva, promozione (soprattutto nelle scuole) del cibo buono, pulito e giusto. Tutela e promozione degli attuali presidi e ricerca e verifica di nuovi prodotti del terroir candidabili a questo prestigioso ed esclusivo riconoscimento internazionale.

Sono, questi, gli obiettivi prioritari che ha condiviso e rilanciato l’assemblea generale della Condotta Slow Food Sibaritide – Pollino svoltasi a Rossano nei giorni scorsi. Partiranno a breve, infatti, i “Master of food” dedicati al vino, all’olio ed anche al caffè. Ed è già partita l’individuazione di una prima scuola, a Rossano, per far entrare ufficialmente il territorio vasto rappresentato dalla Condotta nel progetto pedagogico nazionale “Orto in condotta”.

Per ognuno dei diversi progetti sociali della Chiocciola locale il Comitato di Condotta ha individuato i relativi responsabili: Donato Sabatella di Saracena per i due presidi Slow Food della “Lenticchia di Mormanno” e del “Moscato al governo di Saracena”; Mariateresa Scura di Rossano per “Orto in Condotta” e, Mario Greco di Rossano e Vincenzo Alvaro di Castrovillari per “Master of Food”.

Cos’è il progetto “Orto in Condotta”. A metà degli anni Novanta, nasce a Berkeley (California) il primo School Garden di Slow Food, pensato e “coltivato” da Alice Waters, vice-presidente Slow Food Internazionale. In Italia è stato avviato nel 2004 ed è diventato lo strumento principale delle attività di educazione alimentare e ambientale nelle scuole. Gli attori del progetto sono studenti, insegnanti, genitori, nonni e produttori locali. È un progetto di durata triennale, che prevede percorsi formativi per gli insegnanti, attività di educazione alimentare e del gusto e di educazione ambientale per gli studenti e seminari per genitori e nonni ortolani. Ogni anno “Orto in Condotta” ha un tema attorno al quale ruotano le attività fatte dalle scuole in campo e in aula.

Nell’anno scolastico 2012/2013 l’argomento scelto è stato la frutta. In concreto, consiste nella realizzazione di un vero e proprio orto, di non meno di 100 metri quadrati, adiacente la scuola coinvolta. In esso alunni, insegnanti, nonni ortolani e famiglie, attraverso la formazione Slow Food, coltiveranno e privilegeranno prodotti di stagione da consumare a scuola ed eventualmente vendere realizzando ricavi utili allo stesso orto. L’obiettivo è avvicinare piccoli e grandi al consumo responsabile di prodotti di stagione ed a KM0. Attualmente sono 100 le condotte italiane coinvolte con oltre 400 orti già avviato nelle scuole. In Calabria ve ne sono soltanto due.

“Il gusto di saperne di più” è lo slogan che accompagna invece il programma dei “Master of Food” sin dal primo anno di attività, esprimendo il legame tra il cibo e il piacere, il riconoscimento dei sapori e i riti della tavola, ma anche l’interesse e la curiosità di scoprire dietro un piatto o un prodotto la storia e i volti e le mani di coloro che lo hanno manipolato. Lo scopo è imparare il piacere del cibo e il valore del convivio ma anche scegliere il cibo di tutti i giorni. Nei prossimi giorni saranno comunicati termini, location e modalità di adesione.

http://www.oilwineitaly.com/it/36-esclusivi-regali-natale-2013

???????????????????????????????